LA TUTELA DEL CONSUMATORE NEI NEGOZI COMPRO ORO

LINEE GUIDA PER CHI VENDE I PROPRI OGGETTI PREZIOSI USATI

Prima di recarsi da un compro oro:

a. controllare il peso dell’oggetto prezioso usato.

Pesare l’oggetto permetterà di verificare che la bilancia del negozio non presenti forti difformità dal peso controllato preliminarmente. Ma attenzione: una bilancia casalinga può essere leggermente starata, per cui il peso potrebbe variare di qualche grammo rispetto a quello confermato dal Compro Oro (ovviamente non di decine di grammi!)

b. controllare la quotazione dell’oro.

La quotazione giornaliera dell’oro consultabile on line è riferibile all’oro puro corrispondente a 24 carati.
L’oro contenuto nei gioielli è solitamente di 18 carati (composto per il 75% da oro puro amalgamato con altre leghe), pertanto in fase di valutazione, il prezzo sarà quotato in riferimento alla caratura.  

Quando si entra in un compro oro:

1. VALUTAZIONE dell’oggetto prezioso usato.

L’oggetto deve essere preliminarmente pesato con una bilancia a vista con display o lancette ben visibili rivolti verso il Cliente per una lettura del peso effettuato.
Il compro oro è tenuto alla manutenzione della bilancia utilizzata in negozio, la quale periodicamente deve essere controllata da soggetti abilitati che ne rilasciano la certificazione di conformità.
Nota: il compro oro verificherà i grammi di oro contenuti nell’oggetto e la valutazione economica non sarà effettuata sul peso complessivo dell’oggetto. Questo è quello che comunemente si definisce tara: il compro oro sottrae la tara dal peso lordo segnalato dalla bilancia, ma deve dichiarare di quanta tara si tratta.
Il prezzo viene stabilito valutando la quantità di oro puro contenuto nell’oggetto, senza includere la quantità di leghe e le pietre presenti  in esso. 

 

2. VENDITA dell’oggetto prezioso usato.

Per procedere alla compravendita, il compro oro deve chiedere l’esibizione del documento d’identità per identificare il cliente.

3. MODALITA’ DI PAGAMENTO

Il pagamento viene effettuato con bonifico, assegno oppure in contanti nei limiti previsti dalla legge.
Attualmente il pagamento in contanti non può superare l’importo di € 2.999,99.

4. RILASCIO DELLA RICEVUTA

Attualmente non è previsto dalla legge, ma in base ai principi di serietà e correttezza,il compro oro rilascia la ricevuta dell’avvenuta compravendita dei preziosi usati, in cui sono indicati l’importo pattuito, la descrizione degli oggetti della vendita e l’individuazione del venditore (privato) e del compratore (compro oro).

 

INDICAZIONI

Diffidare dai compro oro, gioiellieri e orefici che:

  • non effettuano la pesatura davanti al Cliente e con display non a vista.
  • non chiedono il documento di identità.
  • accettano di acquistare oggetti preziosi da minori.
  • che pagano in contanti al di sopra del limite previsto dalla legge.
  • che simulano l’acquisto degli oggetti, effettuando in realtà prestito su pegno.
  • che acquistano per corrispondenza e on line gli oggetti preziosi usati.

Non utilizziamo cookie proprietari e di terze parti. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra politica relativa ai cookie.